top of page
  • Geocart

CSR: Piacenza in bicicletta

Aggiornamento: 23 feb 2022

Storia e pedalate tra Ottocento e Novecento


Mercoledì 26 gennaio ci siamo recati alla mostra “Piacenza in bicicletta” a Palazzo Farnese, più esattamente nelle Sale dell’Archivio di Stato. Eravamo in cinque, io (Fabio), Michela, Eric, Paola e Matteo.

Al nostro arrivo ci ha accolto una guida molto gentile e preparata che ci ha spiegato la storia della bicicletta, dalla sua comparsa nella società ad oggi.

Sul percorso c’erano foto storiche e documenti d’epoca. Erano esposte anche antiche maglie (in lana) delle squadre ciclistiche piacentine, alcuni pezzi storici da museo come biciclette inglesi e francesi di fine ‘800, per arrivare a quelle dei grandi campioni del dopo guerra dello spessore di Coppi e Bartali. Molto apprezzata da Eric è stata la bicicletta dei pompieri e dell’arrotino.

La guida ci ha fatto notare l’evoluzione delle caratteristiche tecniche e meccaniche legate principalmente ai materiali di costruzione e all’introduzione del cambio, ma soprattutto ci ha esposto aneddoti sul tema, in particolare legati alla nostra città.

Un episodio che ci ha particolarmente colpito è quello legato a una bicicletta inglese molto rara e pregiata di fine ‘800 acquistata a peso da un collezionista piacentino da un rottamaio di Sant’Antonio. Pensate… l’ha pagata 5.000 lire e oggi ha un valore che si aggira intorno ai 3000 euro.

È stata un’uscita insolita e curiosa che ci ha permesso di scoprire la storia di un mezzo molto antico, ma allo stesso tempo attuale, che ha cambiato per sempre le abitudini della società.


30 visualizzazioni
bottom of page